Chic for Cheap #30

Buongiorno e ben ritrovati alla rubrica che non vi costringerà a dover scegliere tra l'essere alla moda e pagare l'affitto (o meglio, il canone di locazione!): Chic for Cheap!
Dicono che sta arrivando il caldo africano, ma noi siamo già attrezzatissime per affrontarlo!
Ecco quindi le nostre idee di questa settimana!


GONNA A RUOTA - H&M (euro 39,99)





GONNA TUBINO MIDI RIGHE - STRADIVARIUS (15,95 euro)



TOP - H&M (euro 39,99)



 TOP SPALLE SCOPERTE - STRADIVARIUS (17,95 euro)



VESTITO FLOREALE - BERSHKA (euro 35,99)



 VESTITO DENIM TASCHE - MANGO (39,99 euro)



BLAZER FLOREALE - BERSHKA (euro 35,99)



TOP PIZZO - MANGO (24,99 euro)



GONNA CORTA CON PIZZO - H&M (29,99 euro)



SET BRACCIALETTI RIGIDI - BERSHKA (euro 9,99)



E come sempre vi invitiamo a farci sapere che cosa ne pensate con un commento qui sotto!
Baci,
Ste&Sara



[continua...]

Francesca Piccini - Authentic Italian Elegance

Buon mercoledì pomeriggio a tutte!
Sicuramente una buona blogger di moda dev'essere sempre informata sulle ultime notizie fashion e sui trend, e uno dei mezzi d'informazione più veloce è sicuramente rappresentato da Internet. Il mondo web ormai pullula di siti che ci permettono di stare al passo con le ultime news di questo campo, ma non dimentichiamoci che un'altra fonte importante da cui attingere è quella cartacea. E cosa c'è di più bello di sfogliare una rivista di moda? I miei magazine preferiti in assoluto sono Elle e Vogue (in particolare a quest'ultima sono abbonata grazie ad uno speciale regalo), ma alla fine vanno bene anche quei piccoli articoletti sui quotidiani che accennano agli ultimi trends.
Ebbene, qualche giorno fa mi è arrivato l'ultimo numero di Vogue e "divorandolo", la mia attenzione si è posta su dei bellissimi abiti e bozzetti di moda. Catturata dalle immagini, ho subito cercato chi fosse il designer di tali meraviglie e pensate al mio stupore quando ho letto che la stilista ha creato il suo primo abito a soli 15 anni!
Oggi ho quindi deciso di presentarvela, raccontarvi qualcosa di lei e mostrarvi le sue bellissime creazioni!
Lei si chiama Francesca Piccini, ha 24 anni ed è di Milano. Ha frequentato il liceo classico ed è proprio durante gli anni scolastici che è nata la sua prima creatura: un abito da sera da indossare per una festa con i parenti.
In seguito la giovane designer si è iscritta al corso in marketing e comunicazione del Polimoda di Firenze, continuando ad alimentare la sua passione per la realizzazione di abiti da sogno. Tutto questo nonostante i genitori all'inizio non fossero convintissimi di questa sua scelta intrapresa.
A Firenze è entrata in contatto con Stefano Ricci, che la designer considera un punto di riferimento tuttora presente nella sua vita. E' lui ad averle insegnato le differenze tra i vari tessuti e quali scegliere per esaltare la silhouette femminile. Inoltre Ricci ha creduto talmente in lei da farle creare una collezione che si rivolgesse alle mogli dei suoi clienti, piaciuta così tanto da averle detto: "Ora sei pronta! Apri il tuo brand!". E così lei ha fatto; è infatti nel 2013 che nasce il brand che porta il suo nome e che è in continua espansione. Si pensi, infatti, che da poco la Piccini ha creato anche una linea di calzature.
L'eleganza e la comodità sono i principi cardine che la giovane stilista tiene sempre a mente, infatti lei è convinta che un abito scomodo non sarà mai elegante, in quanto la donna non si sentirebbe a suo agio.
Tra i suoi stilisti preferiti vi sono Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè, Valentino Garavani e Elie Saab.
Un altro aspetto che voglio sottolineare riguarda l'italianità, infatti si tratta di creazioni realizzate tutte in Italia e che spesso nelle trame, nelle stampe, nelle ispirazioni e nelle forme raccontano del nostro paese. Niente è come l'eleganza italiana, e finalmente c'è una ragazza che crede nel made in Italy e che soprattutto riesce a valorizzarlo. Perché, diciamocelo, abbiamo tanti difetti e tante cose che non vanno, ma in quanto a moda siamo noi ad aver molto da insegnare agli altri!
I prezzi di questi abiti meravigliosi vanno dagli 800 ai 6000 euro.
Potete trovare gli abiti di Francesca Piccini in più di 20 store multibrand (tra cui Italia, Russia e Medio Oriente) e nei monomarca in Kazakistan, Shenyang e Shangai.
Sono tutti vestiti bellissimi (come vedrete anche nella collezione Esmeralda), ma questi due sono i vestiti che mi hanno rubato il cuore:
Di seguito vi presento la collezione Esmeralda, AI 15/16:

"Gonne lunghe, forme morbide, fusioni di tessuti dalle anime diverse, come pizzi e trame chanel, balze nate da patchwork di chiffon, pelli traforate, per una donna che, proprio come lo spirito bohemo, non vuole più essere inserita dentro uno streotipo, ma vuole essere libera di scegliere cosa amare, al di là del suo ceto sociale.
Uno stereotipo romantico di una donna bohemien piena di verve e sensualità che può essere ricondotto, nella letteratura, al personaggio di Esmeralda nel romanzo Notre Dame de Paris di Victor Hugo. Da qui il nome della nuova collezione".





Vi lascio con tre foto dei dettagli, che come sapete sono una delle cose che amo di più:
La pittura a mano della stampa 
Spring Summer 2016



 Conoscevate questa giovane talentuosa stilista? Vi piacciono le sue creazioni?
Fatemelo sapere con un commento qui sotto!
*Sara

[continua...]

Insight: Dolce&Gabbana Moda Uomo P/E 2016

Buongiorno, cari lettori!
Oggi volevo parlarvi di un topic leggermente diverso dal solito.
Spesso veniamo (giustamente) accusate di trattare poco la moda maschile, e quelle volte che la trattiamo ne parliamo anche male (vedasi meggins o the best of schifo-modamaschile). Del resto, scusate tanto, ma se c'è ancora gente come Christopher Shannon a piede libero evidentemente l'astensione da ogni giudizio è la scelta migliore.
Ma oggi no. Ho guardato alcune sfilate di Milano per la P/E 2016 maschile e indovinate un po'? La collezione di Dolce&Gabbana mi ha rapito il cuore.


L'Oriente (soprattutto la Cina) è il tema fondante della sfilata, a cui si intrecciano alcuni elementi della tradizione siciliana.
L'ispirazione orientale non solo si trova nel taglio degli abiti, ma anche nel tessuto (prevalentemente raso e seta) e soprattutto nelle stampe.
Se conoscete bene D&G saprete sicuramente che la simbologia è un punto focale di ogni collezione. Troviamo stampe raffiguranti templi (rappresentanti la misticità), pavoni (animale caro all'Imperatore - nell'epoca Ming i funzionari dell'Imperatore avevano delle stole adornate con pavoni) e ovviamente il dragone, animale protettore e simbolo dell'Imperatore stesso (oltre ad essere uno dei più importanti segni dello Zodiaco cinese).
Molti abiti raffigurano degli uccelli appoggiati a delle canne di bambù, ricalcando i tipici dipinti su carta di riso del XIX secolo.
A ciò si aggiungono stampe di alberi carichi di frutti, simboleggianti la prosperità e la buona fortuna.
Vi lascio con qualche immagine della sfilata (thanks to Vogue):









































Insomma, che altro dire? Questa collezione è splendida e mi è piaciuta tantissimo (sono rimasta davvero a bocca aperta).  
Avrei voluto mettere qualche altra foto della sfilata ma il blog probabilmente non avrebbe retto al colpo. Se avete l'occasione vi consiglio caldamente di guardarla in streaming!
E voi che ne pensate di questa collezione? Vi è piaciuta tanto quanto è piaciuta a me?
Fatemelo sapere con un commento qui sotto!
Baci,
-Ste

[continua...]