Louboutin vs YSL: round 2

Buonasera, miei cari!
Come promesso nel mio precedente post, oggi andremo a parlare della vicenda giudiziaria che ha coinvolto ed interessato tutto il mondo dell'alta moda, ovvero Louboutin vs Yves Saint Laurent.



Ne avevo già parlato l'estate scorsa, in un mio post, esprimendo non poco sdegno per l'ingiusta sentenza di primo grado e adesso, dopo la sentenza di secondo grado, c'è ancora dell'amaro in bocca.
Ma facciamo un passo indietro.


- Riassunto delle puntate precedenti -

Una tranquilla mattina del 2011 il buon Louboutin, seduto comodamente nel suo ufficio, stava bevendo il suo Café au Lait quando all'improvviso gli è giunta una telefonata che lo ha fatto sobbalzare sulla sedia, sputacchiando caffèlatte ovunque: Yves Saint Laurent, il malefico, aveva osato copiare la suola rossa da sempre prerogativa di Loubi. 
La collezione Cruise 2011 di YSL, infatti, prevedeva dei modelli di calzatura completamente monocromatici: la scarpa tutta gialla, la scarpa tutta verde e... la scarpa tutta rossa.
Ma tra le milioni di tonalità di rosso che la maison YSL avrebbe potuto scegliere, ovviamente si è appropriata di quella scarlatta di Louboutin, protetta da brevetto, a dimostrazione che chi non ha fantasia copia (e la Samsung ne sa qualcosa!).

Subito partirono i ricorsi, le ingiunzioni, il drama giudiziario e mediatico. La  diatriba si è conclusa con una sentenza di primo grado a dir poco shockante: il giudice, Victor Marrero, stabiliva infatti la genericità del brevetto poiché il rosso, essendo un colore, non può essere appannaggio esclusivo di un solo brand (tradendo quindi la c.d. "aesthetic functionality doctrine", teoria che sostiene che un colore o un formato possono diventare tratto distintivo di un dato brand per le loro particolarità).
La decisione ha creato un putiferio, intaccando inesorabilmente l'autorità di Loubi: le suole rosso scarlatto, da sempre sua prerogativa assoluta, avrebbero potuto essere usate in lungo e in largo da chiunque.
Tempo zero, e tutto il team legale di Loubi preparava un mega ricorso per appellare quella assurda sentenza.


- Il ricorso -

Essendo una fashionista ma anche (e soprattutto!) una giurista, ho letto sia il ricorso che la sentenza in lingua originale, e mi accingo a commentarle cercando di essere sintetica.
(Non ci credo nemmeno io)
Piccola chicca giuridica: il sistema di common law, a differenza del nostro di civil law, prevede che si possa appellare la sentenza solo per gravi motivi. L'appello, quindi, non è un diritto che può essere sempre fatto valere, ma è un'eccezione che deve essere valutata caso per caso. Il fatto quindi che abbiano lasciato la possibilità a Loubi di presentare il ricorso era già un sintomo che la sentenza di primo grado non convinceva per niente.
I più interessati possono leggere il ricorso in lingua originale qui.

L'atto, di 103 pagine, è un concentrato di riferimenti legislativi, dottrinali e dei precedenti giurisprudenziali più importanti.
Esso presenta una serie di contestazioni: prima di tutto, le suole rosse sono (per consuetudine e prassi) il biglietto da visita di Louboutin, riconosciuto universalmente sia dai VIP che, in generale, dal mondo mediatico. Vengono citati nomi di personaggi famosi affezionati delle suole scarlatte di Loubi; telefilm e film in cui i personaggi riconoscevano l'indiscussa superiorità delle Loubis (tra cui "Desperate Housewives" e "Sex and the City"), persino la Barbie ha fatto un'edizione limitata della bambola con indosso un paio di Loubis. 
Viene scomodato anche il mondo della musica: si pensi a Jennifer Lopez, e alla sua canzone "Louboutins". Insomma, che diamine, chi  ha mai dedicato una canzone a YSL?


Il ricorso prosegue parlando anche della ingente campagna di marketing  di Louboutin, che annualmente spende cifre astronomiche per assicurare che il mondo intero sappia che le suole rosse sono una sua esclusiva invenzione. E su questo punto insistono anche sul "legittimo affidamento" del consumatore: se ci fosse qualche altro stilista che usa le suole rosse, infatti, si creerebbe confusione nei consumatori in quanto nessuno sarebbe più in grado di riconoscere delle Loubis (e potrebbe sembrare una cavolata, ma non lo è: proprio ieri - i casi della vita! - mi è passata davanti una tizia con ai piedi delle scarpe completamente rosse: Loubi, o YSL?). L'eventualità che qualcun altro possa usare le suole rosse creerebbe non solo un danno di tipo economico, ma anche un danneggiamento all'immagine e alla credibilità della maison.
Altro punto importante del ricorso è il presunto dolo di YSL: pur sapendo che le suole rosse sono prerogativa di Louboutin, YSL ha volutamente copiato la stessa tonalità di rosso su uno stesso identico prodotto (ovvero dei "beni di lusso dotati di tacco alto" - questa la terminologia). Avrebbe potuto scegliere un'altra tonalità, ma così non è stato. Insomma, come si dice a Napoli, YSL voleva fare cazzimma.

Ed infine, il punto più importante che volutamente lascio per ultimo: secondo i legali di Loubi il brevetto non è generico poiché non si parla di semplice colore rosso, quanto del colore rosso applicato ad una specifica parte della scarpa, la suola. Quindi elemento costitutivo del brevetto non era solo uno, ma due: rosso+suola. Un po' come dire turchese sulla scatola di Tiffany, o la trama di Burberry.
Vi suona familiare questa teoria? Ma certo: era proprio quella che avevo scritto io l'anno scorso. 

La mia personale indignazione si circostanzia in tre punti fondamentali:
1) i giudici non hanno capito la differenza tra semplice rosso e il binomio "suola + rosso": il brevetto, da questo punto di vista, non era affatto generico;
2) dite pure quello che volete, ma le consuetudini sono dure a morire. Se dico "suole rosse" si pensa a Loubi, quindi sostengo che YSL abbia intenzionalmente provocato questo cataclisma per dimostrare che, in fin dei conti, Loubi é una specie di Re senza corona;
3) l'originalità. Ma io dico: se non c'è la motivazione della voluta provocazione, allora si deve pensare che l'originalità sia morta? Che sia tutto un copia-copia, un ruba-ruba, e così via? Che l'alta moda abbia davvero esaurito tutte le idee? L'unico esempio lampante (e neanche troppo) che mi viene in mente per spiegare la situazione, sarebbe quello di una gioielleria che usa come confezioni dei proprio gioielli le scatoline turchesi con fiocco bianco (simbolo di Tiffany).

Non vi dico il mio orgoglio da giurista quanto si è allargato.
(Loubi, quand'è che mi prendi nel tuo team legale? Lavoro anche aggratis!)


- La sentenza - 

Sento di essermi già dilungata troppo, quindi prometto di riassumere (per chi invece volesse leggersi l'intera sentenza, sempre in lingua originale, clicchi qui).
La suola rossa di Loubi merita protezione, poiché è innegabile che costituisca il biglietto da visita di Louboutin da anni. Ormai se si pensa alle suole rosse si pensa a Louboutin, e questo è universalmente riconosciuto: il giudice di primo grado, quindi, ha sbagliato ad interpretare le norme di legge sull' "aesthetic functionality", e di conseguenza il brevetto è regolare e preciso: le suole rosse sono esclusive di Louboutin, e di nessun altro.

Ma c'è un ma.
La particolarità della suola rossa delle Louboutin è quella di essere inserita in un contesto "insolito", ovvero sotto delle scarpe con un colore che contrasti visibilmente con il rosso (pensate al binomio nero/rosso; rosa antico/rosso; viola/rosso). Anche l'effetto contrasto, quindi, diventa una particolarità delle creazione di Louboutin.
Di conseguenza, il fatto di mettere una suola rossa su scarpa rossa non crea  affatto l'effetto "contrasto" voluto da Louboutin, e quindi non si viola il brevetto. E guarda caso, le Cruise di YSL sono proprio rosso su rosso.

Conclusione: Loubi è sì il padrone indiscusso delle suole rosse, ma non sulle scarpe completamente rosse. YSL quindi potrà continuare a produrre scarpe monocromatiche rosse.


Come anticipato, questa sentenza lascia non poco amareggiati poiché, nell'ansia di non far torto a nessuno, si vanno a ricercare delle motivazioni assurde: inizialmente il giudice di primo grado lamentava che il brevetto fosse troppo ampio e generico; ora i giudici di secondo grado sono quelli che volutamente allargano il brevetto per aggiungere il tratto del voluto "contrasto scarpa/suola", al fine così di riuscire a salvare YSL.
Ma, in fin dei conti, tutto è bene quel che finisce bene. Loubi rimane il re delle suole rosse, com'è giusto. 

E YSL, dal canto suo, deve ricordare che ha le potenzialità di fare ottimi prodotti senza voler sfidare e copiare altri brand... perché si sa, l'invidia è un peccato assolutamente poco fashion.


E voi che cosa ne pensate di questa faccenda?
Mi scuso per la lunghezza del post, e spero di non essere stata troppo "tecnica" con il linguaggio!
Ringrazio inoltre la mia amica Nina per avermi tempestivamente avvertita della pubblicazione della sentenza :)
Baci a tutti (ma non a YSL),
- Ste






















39 commenti:

  1. Bellissimo qui!!

    ti seguiamo volentierissimo!!!

    Bacioni!!!

    www.larmadiodivenere.com

    RispondiElimina
  2. non sapevo ci fosse stato tutto questo polverone per le suole rosse...ma capisco Loubi che si è arrabbiato non poco :)!

    grazie per esser passata da noi, già ti seguiamo...se volete ricambiare ci fa piacere!
    Lens&anythingElse

    RispondiElimina
  3. Ma dai...non lo sapevo!

    mi piace il tuo blog, ti seguo!

    passa da me:

    angelaswardrobe.blogspot.com

    Angela

    RispondiElimina
  4. Ciao! Grazie per aver commentato sul mio blog!
    Certo che possiamo seguirci, comincio io! Ti aspetto presto sul mio blog! :D

    http://theannelicious.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. quindi alla fine hanno salvato capra e cavoli! io sinceramente sono d'accordo con la sentenza, se la scarpa è tutta rossa, puoi concedere in prestito anche la suola!!!!
    cmq immagino la faccia del giudice che si è visto appioppare una causa per il colore delle suole delle scarpe...ahahahaha avrà pensato "marò,perchè a me?!" (io sono di Napoli, si nota!)
    bel post, scrivi molto bene, nonostante la materia fortemente tecnica e la lunghezza, il post si fa leggere dall'inizio alla fine..vuoi sapere come è andata a finire la faccenda!!!!!
    ti aggiungo ai blog che seguo,perchè il tuo è sicuramente peculiare!!!!
    baci
    mavi
    http://myfashioncornerr.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Ciao Ste :) Mi ha fatto molto piacere questo post, perche io amo le scarpe, anzi diciamo che le adoro, sapevo della faccenda e già nel 2011 io la pensavo esattamente come te. Io stessa disegno scarpe, credo fortemente nell'unicità e nell'artigianalità dei "beni di lusso dotati di scarpe alte" la creatività e la distinzione non si acquistano o copiano. Certo si tratta di due modelli molto diversi ( quando io ho visto le YSL monocromatiche rosse, sinceramente non ho pensato che potessero essere delle Loubotin, proprio perchè per me di Loubi è proprio il binomio contrasto scarpa/suola rossa) In ogni caso, YSL per l'ostinata scelta del colore non ha fatto una gran bella figura!!!
    Bacioni Clo

    http://latelierdelachouette.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Guarda la suola rossa alla fine e' solo un cliche'. Io ho un paio di loubos e la suola si e' tutta rovinata...alla fine ci hanno creato un caso!
    Xx

    http://www.dontcallmefashionblogger.com/

    RispondiElimina
  8. Ps complimenti x il nome del blog!geniale!

    RispondiElimina
  9. eccomi certo che vi segui sia su google friend connect che su bloglovi, sarei molto felice se poteste ricambiare anche su quest'ultimo!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  10. Secondo me Louboutin ha fatto bene a ricorrere a vie legali, la suola rossa è un suo segno distintivo!
    Kiss

    New post:
    http://www.tatilovespearls.com/2012/09/cercando-grace-book-by-enzo-miccio.html

    RispondiElimina
  11. Ciao! Mi piace un sacco il tuo blog...soprattutto il nome e la descrizione! xD

    Ti lascio il link del mio...ti va di seguirci a vicenda? :)

    Un bacione, ti aspetto.
    Ila.

    http://juliaranel.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. Ciao :) grazie per il commento, quando ho letto il nome del tuo blog mi faceva molto strano, lo trovo davvero divertente (tra l'altro mi sto rivolgendo come se parlassi ad una persona e invece mi pare ci capire che siete due :D) comunque mi piace moltissimo il vostro blog e quindi va bene seguirci, ma potreste per favore "piacciare" anche la mia pagina FB? Ci tengo molto!!! Eccola qui:

    http://www.facebook.com/pages/The-Greyhound-Fashion-Blog/181771301920466

    RispondiElimina
  13. ma che bel post...ma soprattutto che blog molto carino!! certo che possiamo seguirci a vicenda...inizio io tramite google friends..ti aspetto da me poi!!1 un bacino e buon we

    LA MODE OUI C'EST MOI
    FACEBOOK
    BLOGLOVIN
    TWITTER

    RispondiElimina
  14. Eccomi qui!!! Vi seguo!!! :)))
    Baci, a presto!

    Ila.
    http://juliaranel.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. Ma pensa te!!!povero Lubi!! comunque complimenti per il post e per il blog in generale...ti seguo!! baci baci


    http://uptowngirlstyle.blogspot.it/2012/09/vogue-fashion-night-out-roma-2012-io.html

    RispondiElimina
  16. Ciao, eccomi!!!
    ti seguo su bloglovin, se ti va ricambia!!!

    a presto!!
    http://www.thefashionheels.com/

    RispondiElimina
  17. che bel post! molto interessante , mi piace come l´hai scritto e spiegato il caso! :)

    RispondiElimina
  18. questo slogan anti-snob mi piace da matti, condivido in pieno!!

    Grazie di essere passata, certo che mi va di seguirci, inizio io e ti aspetto da me ;)

    Baci, Margherita

    http://frivolezzeprovinciali.blogspot.it/

    RispondiElimina
  19. Ciao! complimenti per il tuo blog!
    ti andrebbe di seguirci a vicenda? fammi sapere da me!
    Anthea
    www.antheafashion.com

    RispondiElimina
  20. Ciao!!Ho appena letto il tuo commento!
    Grazie per essere passata e complimenti per il blog bellissimo!
    Ti seguo e spero di vederti presto tra i miei followers =)
    Baci baci C.♥
    http://fashionismyonlygod.blogspot.it/

    RispondiElimina
  21. hey grazie per il commento che hai lasciato nel mio blog, ti seguo volentieri!!

    se ti va di ricambiare ne sarei felice!!

    ps. ho scritto un nuovo post, passa a leggerlo!!

    http://bennypao.blogspot.it/2012/09/jeffrey-campbell.html#comments

    bacioni

    RispondiElimina
  22. Eccomi ! ti seguo anch'io con piacere!
    kiss

    RispondiElimina
  23. ti seguo e spero ricambierai...
    http://www.5minutiearrivo.com/

    RispondiElimina
  24. Ciao cara! Grazie per il bel commento sul mio blog!
    Certo che mi andrebbe di seguirci! Comincio io!
    Ti aspetto da me!

    Kiss
    Ale

    www.thelifeseenfromabove.com

    RispondiElimina
  25. è stupendo il nome del tuo blog ! sapevo di questa controversia ! brava bel post ma soprattutto mi piace il tuo blog! ti seguo volentieri! grazie per esser passta da me!
    un bacio

    www.pursesinthekitchen.com

    RispondiElimina
  26. Mi è piaciuto molto qs post e mi piace moltissimo il nome che hai dato al blog ! certo chemi va di seguirci a vicenda, ho iniziato io , ti seguo su fb, bloglovin e google plus ! bacini
    Alessia

    THE CHILI COOL
    FACEBOOK

    RispondiElimina
  27. ciao,
    secondo me Laobutin, se da in beneficienza i soldi ha fatto bene,
    se no, ha fatto una c......nn è la prima volta che qualcuno fa suole rosse
    e cmq potevano lasciar perdere, nella moda ci sono problemi ben più gravi come l' uso delle pelliccie...

    ti seguo , spero che ricambierai , molti dicono che mi seguono e poi no ;)
    fammi sapere che poi vedo nome ed icona,
    baci, amy

    THE FASHIONAMY ★ ★ ★ ★ ♥♥♥♥♥♥ BLOG
    ★ ★ ★ ★ ★ ★ ★ ★

    RispondiElimina
  28. Grazie per il commento sul mio blog! Il vostro è molto carino e diverso
    dal solito, vi seguo volentieri! Spero che adesso ricambierete però!!; )
    Fabiola

    wildflowergirl

    RispondiElimina
  29. Ciao cara, ma che carino il tuo blog! Il nome dice tutto!!!! Certo che ti seguo! Inizio io e ti aspetto da me, un bacino www.pescaralovesfashion.com

    RispondiElimina
  30. interessantissimo post cara!!!i'm following you!!!if you like mine, do the same!!
    WWW.ZAGUFASHION.COM
    ZAGU FACEBOOK PAGE
    bloglovin follower

    RispondiElimina
  31. mah fosse ysl il problema, a parte che, per lo meno in foto, i due rossi sono completamente differenti, poi dubito che YSL abbia bisogno di copiare qualcuno..poi se ha fatto scarpe monocromatiche anche gialle etc..
    cmq amo entrambi ahahah
    certo che ti seguo, spero ricambierai!
    FASHION SINNER
    FACEBOOK FANPAGE

    RispondiElimina
  32. Ha fatto benissimo!! La suola rossa è il suo segno distintivo!!Cmq io già ti seguo, spero ricambierai..

    Stephilà Creations-Myfashionblog

    RispondiElimina
  33. ciao care!
    vi seguo anch esu bloglovin! ;))
    CU SEGUIAMO ANCHE SU FACEBOOK;)??
    io ho giò iniziATO ;))( COME amanda marzolini

    VI LASCIO IL LINK ;)

    THE FASHIONAMY ★ ★ ★♥♥♥♥♥♥ FACEBOOK

    RispondiElimina
  34. ciao rissime...
    grazie per essere passate da me
    certo....seguiamoci...
    io vi seguo!!!!
    kissss

    RispondiElimina
  35. ciao carissime
    grazie per essere passate da me
    certo...seguiamoci!!!
    io vi seguo!!!
    kisssss

    RispondiElimina
  36. sorry....

    http://ilaria-cardia.blogspot.it

    RispondiElimina
  37. non ero a conoscenza di questo putiferio! Sempre fedele a Loubi :) io ti seguo, ricambia se ti va! :D www.15andfashion.blogspot.ch

    RispondiElimina
  38. wow! ma che carino il tuo post! l'ho trovato pieno di ispirazioni!

    RispondiElimina
  39. io ero rimasta alla sentenza di primo grado!! e da giurista in erba, conoscendo le consuetudini mi chiedevo come mai.. ma non sapevo che il brevetto fosse rosso+suola.. ma ysl li ha fregati facendo il monocromatico.. per me ha vinto ysl beffeggiando un po' Lobou.. giusto per farlo tornare coi piedi per terra.. resta il fatto che mi piacciono entrambi :))

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!