Mila Kunis: da Sex Bomb a Fashion Icon (FIMR post)


Carissimi lettori di TDM, buongiorno!
Oggi pubblichiamo ufficialmente sul nostro blog i nostri due articoli per la rivista online Fashion is my road (dove teniamo la rubrica Style Icon) dedicati allo stile dell'attrice ucraina di Mila Kunis. 


Il primo articolo, pubblicato a fine ottobre, era incentrato sullo stile della Kunis ed in particolare si esprimeva perplessità riguardo alla scelta di Dior di farla diventare la nuova Miss Dior.
Neanche a volerci leggere nel pensiero, dopo neanche tre settimane Dior licenzia la Kunis, ma con una motivazione decisamente poco condivisibile.
Buona lettura!
Stefania & Sara
----------------------------------------------------

Buongiorno a tutti i lettori di FIRM Magazine e benvenuti!
Siamo Stefania e Sara, due blogger che insieme condividono un fashion blog che non si prende molto sul serioTirateladimeno!. E a dirla tutta, nemmeno noi stesse ci prendiamo molto sul serio: sarcastiche, acide, un po’ pagliacce e strafottenti ma sempre con il cuore. Imparerete ad amarci o a odiarci, a voi l’arduo giudizio.
Questo è il nostro primo articolo per il Magazine FIRM, e speriamo sia il primo di una lunga serie: oggi parleremo dell’attrice di origine ucraina Mila Kunis.
Ve lo ricordate il telefilm che andava in onda qualche anno fa su MTV, ovvero “That’s ’70s Show”?
Chi lo seguiva probabilmente starà già canticchiando la sigla iniziale dei Cheap Trick.
Lì si poteva notare una giovanissima Mila nel ruolo di Jackie, che interpretava la carina del gruppo, fidanzata con quel (già allora) gran pezzo di ragazzo di Ashton Kutcher.
I casi della vita: dopo qualche anno dalla finzione si è passati alla realtà, ora Mila Kunis è veramente la ragazza di Ashton Kutcher e per questo non possiamo che invidiarla terribilmente.
Oltre a essersi accaparrata il più desiderato scapolo di Hollywood, Mila Kunis è stata poi eletta da Esquire la “donna più sexy del mondo”.
 Ma c’è di più. In questa lunga serie di fortune, recentemente Mila è stata scelta da Dior come testimonial per la campagna autunno inverno 2012/13, campagna dal gusto retrò che la vede più sfavillante che mai.
Possiamo affermare che la campagna di Dior abbia, in un certo senso, giovato a Mila. In un primo tempo, infatti, il suo stile lasciava alquanto perplessi, nonchè ben lontano dal modello di eleganza che da sempre contraddistingue il brand Dior.
Ma facciamo un passo indietro.
Del suo stile (che a casa nostra si chiamerebbe “sportivo sotto mentite spoglie” – leggasi trasandato) colpisce soprattutto una cosa: nessuna borsa tra le mani, nessuna shopping bag ma il suo migliore accessorio resta sempre e solo… il caffè! Mila, infatti, è una vera e propria caffeinomane, e anche Starbucks dovrebbe prendere in seria considerazione l’ipotesi di sceglierla come testimonial.
Pensate addirittura che Mila Kunis è solita uscire abitualmente con gli amici vestita così, dimentica forse della sua identità pubblica e soprattutto dei paparazzi.
Nell’immagine centrale Mila indossa il bracciale Cartier della collezione Love, felpa Adidas nera, borsa Sabrina di Coach e scarpe Nike, mentre nella terza porta pants di Victoria’s Secret Pink e  T-shirt con il volto di David Bowie che recita “Future Heretics”.

“Alla faccia di Miss Dior”, qualcuno malignerebbe. In realtà, lo stile eccessivamente “sportivo” viene (per fortuna!) dimenticato nelle serate mondane dove, bene o male, si presenta sempre con una certa eleganza:
Dior è la scelta che ha fatto Mila per il primo outfit: ogni capo è così firmato, borsa inclusa. Le scarpe sono le Miss Dior peep toe.
All’opposto, alla premiere del bellissimo “Black Swan” Mila si è affidata a diversi stilisti. Meraviglioso l’abito Elie Saab mentre ai piedi ha delle Louboutin modello Maggie. I gioielli sono di Fred Leighton.
Al fianco di Justin Timberlake ha optato invece per un mini dress firmato Lanvin e decolté Ferragamo. Gli orecchini sono di Ippolita Rose.
E qui la vediamo ancora come testimonial Dior.
Alla premiere di “Ted”, ha scelto di mostrarsi con un vestito corto nero in organza, con scollatura a V, della collezione 2012 e ai piedi ancora Louboutin ma stavolta modello Pigalle in satin verde con tanto di pizzo nero.
Per i Golden Globe, invece, Mila punta su un abito lungo (sempre collezione 2012), abbinandolo a dei meravigliosi gioielli: orecchini e anello in diamanti Cartier.
Concludendo: è innegabile che Mila Kunis sia una bomba sexy, ma la strada per la vera eleganza è ancora lunga.
Siamo certe, ad ogni modo, che tutto lo staff Dior saprà lavorare sul potenziale della giovane attrice, riuscendo a farla diventare una vera e propria fashion icon.
Nel frattempo, però, evitate di farle prendere troppo caffè.

UPDATE POST (dopo il licenziamento di Mila Kunis)

Nel nostro articolo precedente avevamo già manifestato alcune perplessità sulla scelta della Kunis come testimonial per una maison come Dior, e a quanto pare il nostro sesto senso non ci ha tradite: sembra che Dior, senza alcuno scrupolo morale, abbia dato il benservito alla Kunis.
La motivazione del licenziamento? A quanto pare, la Kunis è troppo grassa per fare da testimonial a Dior.
Kaboom.
La bomba è ufficialmente esplosa: una donna formosa, con le curve nei giusti posti, eletta addirittura la più sexy del mondo… licenziata perché grassa? Ma poi parliamone, Mila Kunis grassa?
La nostra sorpresa è stata grande, come pensiamo per la maggior parte di voi, e di certo la decisione di Dior non è avulsa da connotati polemici.
Dior infatti avrebbe potuto licenziare la Kunis con una motivazione più diplomatica: “Cara Mila, sei bella buona e brava però no, non sei il nostro volto. Puntiamo a una bellezza meno prosperosa, e con un diverso senso dell’eleganza. Guarda scusaci tanto eh, eccoti una decina di borse della nostra ultima collezione e  rimaniamo amici!”. Tale motivazione peraltro sarebbe stata avallata dalla maggior parte del pubblico, in quanto già in precedenza era stata espressa perplessità sulla scelta della Kunis come Miss Dior.
Mila Kunis non è un fuscello ma di certo non è neanche la donna cannone. Le ragioni di Dior, quindi, risultano ancora più odiose e opinabili se consideriamo che la maggior parte delle ragazze non possiede il fisico da urlo della Kunis: di conseguenza, se per Dior la Kunis è grassa, noialtre siamo delle balenottere spiaggiate senza possibilità di recupero. Noi, ovviamente, la buttiamo sul ridere, ma il messaggio lanciato da Dior è quantomeno preoccupante e rischia di essere l’ennesimo “incentivo dall’alto” in una società in cui la magrezza da anoressia viene vista come un modello a cui ambire.
Insomma, in un colpo solo Dior è riuscito ad inimicarsi l’intero universo femminile, com’era logica conseguenza. E dato che la Kunis è stata mandata a casa, il posto di Miss Dior è stato preso da Jennifer Lawrence, conosciuta principalmente per aver interpretato Katniss Everdeen in “The Hunger Games” (trad: “I Giochi della Fame”).
A essere sinceri, anche la nomina di Jennifer Lawrence come Miss Dior lascia un po’ perplessi, ma di questo magari se ne discuterà in un’altro post.
In conclusione, la povera Mila ha ricevuto un benservito che è costato una figuraccia a Dior: se quindi la maison preferisce puntare su ragazze scheletriche e prive di forme, l’unica cosa che resta è puntare tutto sul sarcasmo: a quanto pare, Dior è un fan degli Hunger Games!



14 commenti:

  1. Povera Mila! Forse non un'icona di stile ma di certo non grassa! Baci
    Fabiola

    wildflowergirl

    RispondiElimina
  2. Non c'è che dire, davvero diplomatici quelli di Dior O.o Non ci vuole un genio per capire che si poteva evitare di dirlo in quel modo...comunque sono d'accordo con voi, la Kunis è una bella donna ma non ha la classe per fare da testimonial a brand di questo tipo!

    RispondiElimina
  3. Se Mila Kunis è grassa io sono il primo uomo sulla Luna.
    Io adoro sia lei che Dior ma effettivamente non erano un match ideale, c'era sempre la sensazione di qualcosa di "stonato"...

    RispondiElimina
  4. Grassa?!?! Che non sia una fashion icon è palese, non lo diventerà nemmeno se dovessero vestirla squadre di stilisti, ma grassa?! Nemmeno la furbizia di inventarsi una scusa!

    http://lowbudget-lowcost.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. hey!
    Non conosco questo film o di una serie, ma non può essere cattivo.
    bloglovin se vuoi seguirmi Ti seguo indietro.
    ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ in grado di chiedere qualcosa, votare per me qui:
    # http://bioarcapolas.blogspot.hu/2012/11/csillogo-kormok-verseny.html axzz2D9EBxfWJ
    professionisti si trovavano, barra laterale a sinistra per un professionista e non 10 e che è necessario fare clic per votare.
    http://www.bloglovin.com/en/blog/4261243

    RispondiElimina
  6. Poverina non è grassa dai... :(

    Bell'articolo comunque, complimenti.

    Nuovo post

    www.thegoldenglam.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. la scusa ideata dai voi sarebbe stata moooolto meglio ahahah !!

    Ma poi grassa a chi?? è un'insulto a chi ora fa una fatica bestia anche solo per arrivare ad avere il fisico "grasso" di Mila kunis e da donna più sexy del mondo ( da sottolineare donna più sexy del mondo)!!

    RispondiElimina
  8. io sono rimasta allibita... Mila Kunis grassa????? grassa???? grassa???? grassa????? NO COMMENT.

    Miss Piggy di insanebazar.com

    RispondiElimina
  9. nice blog. follow you..


    http://beautyandfashion-makeup.blogspot.com/
    :D

    RispondiElimina
  10. E'la prima vota che entro nel vostro blog...solo il nome e'un programma..fantastico mi piacete un sacco!Amo chi non si prende troppo sul serip!
    Brave e..bellissimo post!
    Ambra

    RispondiElimina
  11. ma potrà anche non piacere ma dire che è grassa no! c'è almeno dalle foto non sembra stia male anzi!

    RispondiElimina
  12. A me piace tantissimo e dire che è grassa è proprio da pazzi!!

    bacioni

    www.larmadiodivenere.com

    RispondiElimina
  13. ciao cara di sicuro non è grassa...però non ha quella eleganza e quello charm per essere la testimonial di dior... ^^
    kiss e buon week end
    vendy

    NEW POST
    follow me on:
    the simple life of rich people blog
    instagram @thesimplelifeofrichpeople
    twitter @simpleliferichP

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!