Momento serietà: hot topics of the week

Ben ritrovati, amici!
Questa settimana è stata una vera e propria impresa titanica. Per dirla all'americana: problems, fuckin' problems everywhere. Non vi sto nemmeno a raccontare tutte le millemenate che sono saltate fuori perché manca tempo, voglia e persino lo spazio (e già il post di oggi si preannuncia lungo, quindi...).
Ma ciò che più mi consola è sapere che la settimana appena trascorsa non è stata il caos solamente per me. In particolare, ci sono state tre importanti questioni nel mondo della moda che hanno scatenato un autentico putiferio. Non si tratta della solita manfrina "maquantoèbruttalanuovacollezionedi" ma di fatti relativamente gravi, che hanno avuto un vastissimo eco nella stampa e nell'opinione pubblica.
Le tre notizie che andrò a trattare potrebbero sembrare scollegate tra loro, ma in realtà hanno tutte un grande elemento che le accomuna: sono state in grado di far scoppiare un vero e proprio caso mediatico.
E quindi venghino signori venghino: andiamo a cominciare questo "momento serietà"!


1) Vogue US e le pessime idee


Come già scritto qualche giorno fa sulla pagina fan del blog, Vogue America ha avuto la brillantissima idea di regalare la copertina del prossimo numero a Kim Kardashian e consorte.
What. The. Fuck.


Qualche domanda sparsa.
Ma da quando in qua le ex pornostar finiscono su Vogue US?
Evidentemente, da adesso.
Ma come! Non era stata proprio Anna Wintour a manifestare odio profondo per la Kardashian, tanto da impedirle persino di partecipare al "Met Ball" (ballo di beneficienza sponsorizzato da Vogue, ndr)?
Sì, proprio lei.
Ma aspetta! Non era sempre la Wintour che ha dato di matto quando Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, ha pubblicato su Vogue Uomo di luglio 2012 un servizio fotografico dedicato alla Kardashian, andando deliberatamente contro le scelte del Diavolo che veste Prada?
Sissignori.
Ma allora, che cosa è cambiato? Come mai, così dal nulla, ci troviamo la magnifica coppia in copertina di Vogue US?

Inutile fare tanti giri di parole: la risposta la so io e la sapete anche voi. E credo che valgano benissimo le parole di Selvaggia Lucarelli sull'argomento: "Kim Kardashian sulla copertina di Vogue. Ovviamente se la Wintour si ritrovasse una come la Kardashian vicina di posto al cinema la spruzzerebbe col Lysoform ma vabbè, si vede che Vogue vende poco di 'sti tempi".

A quanto pare i promessi sposi hanno offerto una cifra vertiginosa per ottenere la copertina di Vogue, e ciò ha scatenato delle enormi polemiche anche nelle alte sfere del mondo dello spettacolo: Sarah Michelle Gellar, prima di tutti, ha commentato la vicenda con un tweet al vetriolo. 



E parimenti, anche Naomi Campbell ha avuto modo di pronunciarsi sulla vicenda con una sonora, sarcastica risata (qui il video - grazie a Sara!). 
Insomma, si ride per non piangere. Io vorrei proprio sapere che cosa ne pensa Victoria Beckham sulla questione, dato che lei non è mai riuscita a finire sulla copertina di Vogue.

Ammetto che la Wintour non mi è mai stata congeniale (infatti mi trovo perfettamente d'accordo con quello che pensa Re Giorgio Armani su di lei) e che potrei essere prevenuta.
Intendiamoci: volendo essere comprensivi, ricordo che in fin dei conti nessuno ha il potere di giudicare se la Kardashian sia idonea o meno, men che meno io.
Ma poi ci ho pensato meglio. Vogue non è una semplice rivista, Vogue è LA rivista giudicante: quella che "detta legge" sui più disparati argomenti, quella altamente culturale - così culturale che a volte risulta impalpabile, quella dall'aurea quasi miracolata stile Dieci Comandamenti @ Monte Sinai resident dj Mosè.
Tutte queste belle prediche su classe ed eleganza, quindi, dove sono finite nel momento in cui si è deciso di mettere la Kardashian in copertina? “Lauto compenso” è la risposta che stiamo cercando. E, di nuovo, mi sembra che (secondo la mia personale opinione, che ovviamente vale zero) la Wintour si sia mostrata esattamente come il Marchese del Grillo (ricordate? "Io sò io, e voi non siete un...").
Quando il vile denaro prende il posto dei valori secolari, le conseguenze non possono che essere drammatiche. E spero che queste conseguenze facciano riflettere un minimo sul generale andamento di Vogue US.



2) Impariamo il diritto penale con D&G - parte 2
"Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono impegnati tra stoffe, modelli, modelle, ricevimenti, sono dei creativi e non me li immagino a gestire schemi di abbattimento fiscale". 

Con queste parole il sostituto PG [ovvero colui che si occupa della pubblica accusa, ndr] della Corte d'Appello di Milano, Gaetano Santamaria, ha chiesto l'assoluzione per gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, condannati in primo grado a un anno e 8 mesi per evasione fiscale (della sentenza di primo grado ne avevamo parlato qui). 
Riassumendo: nel 2013 D&G sono stati condannati dal Tribunale di Milano (primo grado) in quanto, grazie al fenomeno della cd "esterovestizione", hanno creato una società fittizia (la GADO) in Lussemburgo al fine di pagare meno tasse (ricordiamo che il Lussemburgo non ha esattamente la stessa pressione fiscale dell'Italia). Condannati in primo grado i due stilisti sono ricorsi all'Appello (secondo grado).

Sostanzialmente, il PG sostiene che D&G abbiano effettivamente pagato quanto dovevano e che la creazione della GADO sia stata "un'operazione lecita". D&G, infatti, avrebbero agito come qualunque altra impresa moderna: "Dolce e Gabbana hanno pensato in grande come un grande gruppo in espansione nel mondo... sono andati in Lussemburgo perché là c'è un regime fiscale capace di attrarre capitali e attirare investitori internazionali".
Il PG poi aggiunge: "Come cittadino contribuente italiano posso indispettirmi e magari sono contento che la Finanza accenda un faro e allora posso anche aspettarmi l'intervento su Marchionne e sulla Fiat quando trasferiranno la sede legale in Olanda. [...] Come operatore del diritto devo dire che sono operazioni legittime, che la cessione dei marchi rientra nelle libere scelte imprenditoriali e va tutelata con il principio sacrosanto della libera circolazione dei capitali nel mercato". 
Il PG continua affermando che i dividendi della GADO sono comunque stati tassati in Italia e che il prelievo complessivo è arrivato quindi al 32%. Il magistrato, inoltre, ha rimarcato il fatto che gli stilisti hanno già versato 40 milioni di euro nell'ambito del contenzioso fiscale, che è un contenzioso diverso da quello penale; e conclude osservando che le imputazioni relative all'anno 2004 risultano essere prescritte (rimanendo valide solamente quelle per il 2005, da cui comunque D&G vanno assolti poiché il fatto non sussiste).
Insomma, un vero e proprio ribaltamento della situazione. Vorrei far notare, tuttavia, che già nel 2011 la Suprema Corte di Cassazione (terzo grado e massimo organo giudicante) aveva dichiarato che, per i suddetti reati, non era corretto il proscioglimento di D&G, e aveva fatto ricominciare il procedimento dal primo grado perché si arrivasse ad una condanna.
Ora la pubblica accusa in appello sembra andare in tutt'altra direzione, creando non poco stupore. Staremo a vedere che cosa si deciderà nella sentenza della Corte d'Appello.
NB: Ad colorandum, ho scoperto ieri sera che il mio articolo sulla sentenza di primo grado D&G è finito nientepopodimeno che su Eur-Lex.com (vedetelo qui). Non so se essere lusingata per la considerazione come giurista o montare un casino perché non mi hanno chiesto i diritti. Nel dubbio, io bevo alla mia salute, e offro un giro anche a voi. E mi riservo di far loro causa. Casomai con i soldi del risarcimento vi porto tutti alle Maldive.

3) Storie di giustizia italiana: l'omicidio Gucci



Il 27 marzo cade l'anniversario della morte dell'imprenditore Maurizio Gucci (nipote di Guccio Gucci, fondatore della casa di moda che tanto amiamo), ucciso nel 1995 in una sparatoria che vedeva come mandante la sua ex moglie, Patrizia Reggiani Martinelli (se volete rinfrescarvi la memoria sulla vicenda, vi consiglio di dare un'occhiata a questo link). 
Nella sparatoria fu ferito anche il custode, Giuseppe Onorato, riuscito a salvarsi. 
Patrizia Reggiani Martinelli è stata condannata a 29 anni di carcere (poi ridotti a 26) in qualità di mandante dell'omicidio. Ma, come spesso accade, la pena che si sconta effettivamente è molto minore rispetto a quella data sulla sentenza: e così, a settembre 2013 (dopo 18 anni di carcere), la Reggiani saluta San Vittore e si riprende in mano la propria vita.
Ma che ne è stato di Giuseppe Onorato, per il quale i giudici avevano stabilito un risarcimento di 200 milioni di lire a carico della Reggiani Martinelli?
Ebbene, ad oggi, Onorato non ha visto un centesimo, in quanto la Reggiani Martinelli (sembra incredibile) risulta essere nullatenente. Il che, effettivamente, è paradossale.
Pubblico di seguito degli stralci della lettera aperta scritta qualche mese fa dal sig. Onorato:
"Come ogni anno in questo periodo il mio pensiero va alla mia storia infinita. Sono Giuseppe Onorato, il custode del caso Gucci, ferito nel delitto che 17 anni fa fece tanto scalpore. Oggi si parla della vittima Maurizio Gucci, si fa il mio nome, e quello delle persone che senza tanto pensarci hanno dato luogo ad un dramma dell'avidità personale. Ora penso che i veri perdenti siamo stati tutti noi. Tutti tranne l’ex signora Gucci che è riuscita a salvare l'ingente patrimonio del povero Maurizio, salvaguardalo per le figlie. [...]
Io da tutta questa vicenda ne sono uscito malconcio,e non solo perché ferito nel corpo. [...]  Chiedo che si indaghi sul patrimonio questa famiglia che dopo avermi causato una invalidità permanente del 40% non ritiene opportuno nemmeno di chiedermi scusa.
Viviamo in uno stato di diritto, ed io chiedo giustizia a chi oggi sta controllando le ricevute o gli scontrini per un caffè o un panino, e fa passare per nullatenente una donna che ha pagato 500 milioni per un assassinio... La mia vita è stata sconvolta da questo delitto, non passa giorno che non pensi a quei momenti drammatici, a quel sangue innocente, e alla paura di morire solo perché mi stavo guadagnando un pezzo di pane."

E la situazione, ad oggi, non è ancora cambiata.
Nei giorni scorsi Onorato è tornato sulla vicenda, dichiarando che gli eventuali soldi del risarcimento li destinerebbe alla beneficenza. Il problema è arrivarci, a quei (meritati) soldi del risarcimento.
Nonostante sia stata resa giustizia (?) a Maurizio Gucci, ora il problema tocca chi è riuscito a sopravvivere e si è sentito ulteriormente preso in giro da questa situazione. Auspico un miglioramento per il futuro, ma devo ammettere che a questa eventualità credo pochissimo anche io. 

Chiedo scusa per il post lungo e pesantissimo, ma come avete potuto vedere c'era moltissimo da dire. 
Evviva le settimane campali.
Se sono stata poco chiara o avete altri dubbi, fatemelo sapere in un commentino qui sotto!
Baci
- Ste

PS: (giuro, poi la smetto con questo post allucinante) Abbiamo novità. WOW Effect ci ha intervistate, ebbene sì. Nei prossimi giorni vi sveleremo tutti i dettagli!

44 commenti:

  1. Great outfit dear!!!
    [request Notice: You known be happy.My beauty supplies blogs given a poorfound school's name and this site's money give that school.
    So Every dear User to my request please when visite my site then just only click any Ads.This Money Sent that school,Please help With Me
    Thank's
    http://beauty2beautytips.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. Post molto interessante, non conoscevo tutti i dettagli!
    che bei colori, la fur jacket è carinisisma!

    Alessia

    THECHILICOOL

    FACEBOOK

    Kiss

    RispondiElimina
  3. buona domenica carissima;)!!!!!un bacione

    RispondiElimina
  4. Io non lo trovo pesante questo post , mi è piaciuto molto ed è sempre un piacere leggere il vostro blog!
    Baci ragazze!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  5. Great post.
    http://tifi11.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Quando i soldi comprano tutto...Vogue si meriterebbe un bel tapiro d'oro ;)
    http://www.madewithlovebychiara.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. Eh..secondo me Vogue ha sbagliato!
    Marina
    http://www.maridress.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/maridressfashionblog

    RispondiElimina
  8. Interessante e divertente e poi hai approfondito argomenti che conoscevo in modo superficiale. Baci Elisabetta

    RispondiElimina
  9. Fantastica Naomi che ride!! Sulle altre due vicende non mi pronuncio, sarebbe troppo lungo, ma hai fatto benissimo a parlarne e a evidenziare queste vicende!

    Shoes 2014 must have on lowbudget-lowcost Fashion Blog

    RispondiElimina
  10. L'omicidio Gucci e' solo uno dei tanti casi in cui la legge italiana fallisce. Certo poi penso anche a quel folle norvegese che dopo aver massacrato gli studenti sull'isola e si e' beccato solo 16 anni.....

    RispondiElimina
  11. molto utile questo post!! non conoscevo bene le vicende dell'omicidio Gucci...uno dei tanti scandali italiani!!

    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  12. Ciao :D post molto interessante, nn sempre si conosco i particolari delle vicende.

    new post:http://www.ollyup.com/2014/03/pronte-per-lestate-ecco-la-nuova.html

    RispondiElimina
  13. Notizie curiose ed interessanti, hai approfondito bene!
    Ciao

    Viky --- MySecretFashionPoison

    RispondiElimina
  14. interessante qst post...della Kardashian mi piace solo l'abito

    RispondiElimina
  15. notizie approfondite!....grazie di questo post!
    baci Gi.
    new post
    http://f-lover-fashion-blog.blogspot.it
    Facebook: https://www.facebook.com/pages/F-lover-fashion-blog/197361530448570
    Instagram: http://instagram.com/f_lover_fashion_blog
    Twitter: https://twitter.com/floverblog
    Bloglovin: http://www.bloglovin.com/gina838

    RispondiElimina
  16. Ogni voltache capito per di qui mi faccio una bella risata e imparo anche qualcosa...sapevo tutto dell' affaire Vogue - considero la Wintour un barracuda viscidissimo per cui non mi sorprendo del suo improvviso cambio di opinione sulla K. Quello che non sapevo e' la notizia del processo Gucci. Mi informero' ulteriormente, in ogni caso grazie per il servizio :)

    www.nymphashion.com

    RispondiElimina
  17. Ciao Stefania! Ahaha, ma come sei finita su Eur-Lex.com?!! Conosco bene quel sito, devi chiedere i diritti (nel caso ci conto per il viaggio alle Maldive!:P). Guarda sugli ultimi due fatti non c'è poi tanto da commentare, si sa come va la giustizia in Italia, semmai mi fa pena il povero Onorato, che dopo tutti questi anni non ha avuto manco un soldo come risarcimento, che schifo! Piuttosto sono davvero contrariata per la scelta di Vogue.us, per me AW ci avrà guadagnato in vendite ma in immagine e coerenza ci ha perso. Mi ha fatto troppo ridere il twitter di Sarah Michelle Gellar, ahah!! Un bacione e buonanotte!:*

    RispondiElimina
  18. Io ,,, amo e semplicemente AMO i tuoi post che per me sono fonte di ispirazione, come hai visto condivido spesso le copertine del tuo post in cui le riassumi tutte ... Lo faccio sulla mia pagina fb E che dire ... Che VOGUE attualmente (ma già da molti anni) sia solo una macchina da soldi si sapeva ... Per il punto 3 ... MI dispiace tantissimo ... Certa gente cade sempre in piedi e non è giusto!!!

    XoXo
    Mary
    New Post-> http://www.modidimoda-mapi.blogspot.it/2014/03/tru-trussardi-napoli-do-you-know-gaia.html

    RispondiElimina
  19. Vogue ha fatto una caduta di stile notevole, anch io sto preparando un post a questo riguardo perche da "addetta ai lavori" l ho trovata una cosa oscena piazzare in copertina due simboli del cattivo gusto e della volgaritâ quali Kanye West a la Kardashian.
    Complimenti al solito per l' ottima scrittura.
    Un bacio

    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  20. Post lungo, ma piacevolissimo da leggere, davvero molto interessante e poi adoro come scrivi Ste!!!! Sfido tu sia finita su Eur.Lex.com!!!!
    Allucinante il caso Gucci....
    Baciiii

    RispondiElimina
  21. Io lo trovo un post davvero interessante, adoro il tuo modo di scrivere! Vogue è veramente caduto in basso e sono convinta che abbia perso molti lettori anche tra i non-vip !
    www.thefashionshadow.com

    RispondiElimina
  22. interessante l'articolo..spesso non si conosco tutti i dettagli o magari di dimenticano col tempo...c'è da dire solo un bel MAH...senza parole su tante e tante cose...certo, ogni questione di tipo giuridico va studiata nei minimi particolari e con un bel fascicolo tra le mani...ma in ogni caso il mio commento e MAH, SENZA PAROLE...un bacione e buona settimana..
    Roberta

    RispondiElimina
  23. Per niente pesante anzi interessantissimo! Concordo in pieno su tutto!
    La storia della copertina di Vogue è assurda non siamo nessuno per poter giudicare la vita e i comportamenti degli altri ma insomma cambiare opinione ogni tre secondi per proprio comodo non è proprio da persone serie.
    Per quanto riguarda il Caso dei D&G non saprei proprio che dirti penso solo che se non li condanneranno creeranno un precedente e allora tutte le aziende creeranno aziende fittizie in altri stati al solo scopo di pagare meno tasso, e qui dissento proprio. Poi Mi dispiace per il Signor Onorato ma questo è proprio classico della legislazione italiana, e mi dispiace dirlo perchè amo questo paese, ma è veramente vergognoso!
    un bacione
    http://mywonderrfulworld.blogspot.it/2014/03/ce-aria-di-primavera.html

    RispondiElimina
  24. Tralasciando i due casi in cui c'entra l'Italia perchè siamo sempre incommentabili, ma che schifezza è la copertina di Vogue!!?!?!? Tamarra è dire poco, bleah!
    Un nuovo outfit ti aspetta sul mio blog!
    Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi! :)
    Un bacione,
    Eleonora
    www.it-girl.it
    It-Girl Facebook page

    RispondiElimina
  25. Tu non sei affatto pesante, i tuoi post sono sempre molto interessanti e ben scritti! La Kardashian su Vogue è una bestemmia ma si sa, non c'è niente al mondo come i soldi per far sì che le cose succedano! La Wintour avrà la gastrite ma anche qualche soldino in più da parte! Sulle vicende D&G e Gucci siamo alle solite, purtroppo qui in Italia la verità è un'opinione! E comunque complimenti per essere finita su Eur.Lex! Poi però chiedi almeno che ti mettano un link al blog!

    RispondiElimina
  26. Altro che pesante io l'ho trovato interessantissimo questo post!
    A parte aggiungere inutili commenti sulla Kardashian in copertina su Voglue (che per me quella cafona arricchita nemmeno in tv sarebbe dovuta stare...), ma si sa i soldi fanno girare il mondo, sei stata bravissima a spiegare le vicende giudiziarie di D&G e Gucci, altri esempi di quanto funzioni bene la giustizia italiana...
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it/

    RispondiElimina
  27. è un vero piacere leggerti, conoscevo le 3 notizie...non cosi' nei dettagli e ti ringrazio per quelli...sono totalmente d'accordo con te! su tutte una peggio dell'altra per quanto mi riguarda*_*complimenti per il post tesoro|
    www.mrsnoone.it
    kss

    RispondiElimina
  28. Diciamo che il caso Vogue US.... è quello più comico (ma non per questo ho disdetto il mio abbonamento jajajajja), sugli altri due..... questo è il mondo in cui viviamo :(
    Un bacione e grazie per le risate ;) che mi hai fatto fare
    The Indian Savage Diary

    RispondiElimina
  29. Innanzi tutto è sempre un piacere leggere i vostri post... riguardo al caso Gucci e D&G, l'Italia -è ormai cosa nota- è la Repubblica delle Banane quando si tratta di giustizia. Qui la pesantezza della pena è inversamente proporzionale alla gravità dei reati: che i ladri di galline si dedichino a truffe più grosse altrimenti non la faranno franca!
    Riguardo alla copertina di Vogue sono d'accordo con te: la Beckam ci resterà parecchi male! :)
    Buona settimana!
    Oriana xx

    www.stylexis.com

    RispondiElimina
  30. ripasso...buona settimana cara

    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/the-refill-jacket-must-have/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  31. great post! Happy First day of April! :D



    I AM ALSO ON: Instagram @kennydaily, Bloglovin and Facebook (i follow back, just let me know your links)


    xoxo;
    What Kenny Hearts a Lifestyle Blog

    RispondiElimina
  32. Io pensavo che fosse uno scherzo,ma quando ho visto Kim su Vogue US,non solo su Facebook,ma anche altrove,sono rimasta scioccata!Su Vogue no!
    Questo post è stato davvero interessante!
    P.S.Nuovo post da me,se vi va passate,vi aspetto!
    Baci baci C.
    http://fashionismyonlygod.blogspot.it/

    RispondiElimina
  33. molto interessante questo post!!!

    RispondiElimina
  34. Bel post, ci sono molto cose che non sapevo!
    Alessandra
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
  35. non sapevamo NULLA di tutto ciò, a parte dolce &Gabbana... la vicenda del povero custode ci lascia allibite...... grazie per averne parlato. diventi famosissima se ti continuano a rubare gli articoli! guarda che noi ci prenotiamo per le Maldive! Segna due posti!
    Un abbraccio,
    Eva e Valentina the anarCHIC

    RispondiElimina
  36. ho scoperto tante cose interessanti da questo post
    p.s io sono con d&g e lo sono stata fin da subito
    quando succedono queste cose e si è costretti a fare quello che hanno fatto loro,la colpa è da attribuire ai nostri cari politici che ci stanno rovinando la vita
    nuovo post, ti va di darmi il tuo parere? ---> fashion blogger pamela soluri
    buon martedì

    RispondiElimina
  37. Molto interessante davvero!!!
    kiss Giulia

    http://www.thefashionmamas.com/

    RispondiElimina
  38. interessante!!!!
    http://befashion31.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/Befashion31

    RispondiElimina
  39. ah si ho letto in giro sono rimasto scioccato


    FASHIONSEDUCER.COM

    RispondiElimina
  40. mi piace il fatto che questo blog sia anche un posto dove riflettere su vicende legate alla moda ma non solo ed esclusivamente ad essa. grazie per l'approfondimento. io nemmeno conoscevo bene la terza storia.
    xx
    http://sofiscloset.blogspot.it/

    RispondiElimina
  41. lungo ma interessante, mi piace come scrivi, molto
    unconventionalsecrets.blogspot.it

    RispondiElimina
  42. Molto interessante questo post! Un bacio.
    http://www.solaanteelespejo.blogspot.com.es/

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!