The Rainbow Wedding Fashion Show - ForWedding 2014

Nel 2005 ero al quarto anno di liceo e mi divertivo a fare la rappresentante d'istituto. 
Ricordo che in una delle assemblee degli studenti si arrivò a parlare di matrimonio gay, argomento che allora destava gran poco interesse. Mi sono sentita rispondere con frasi stile "l'Italia ha problemi ben più importanti a cui pensare"; "figurati se uno Stato dove il Vaticano è così presente permetterà mai una cosa simile"; "impossibile, gente troppo bigotta". E io ricordo che semplicemente risposi: "aspettate e vedrete".
Ci sono voluti anni e anni affinché il tema venisse preso seriamente in considerazione: oggi siamo nel 2014 e, finalmente, l'opinione sta cambiando. Persino in Italia.

Chiedo scusa se l'argomento di oggi va a toccare argomenti politici, ma credo che sia giusto "battere il ferro finché è caldo". Finalmente, dopo quasi dieci anni, la tematica è arrivata all'attenzione dei vertici politici e persino religiosi (vedi le ultime dichiarazioni di Papa Francesco, uno dei papi che veramente sa come comunicare con il suo gregge di fedeli).
Probabilmente si stava aspettando il momento giusto. Probabilmente l'Italia si è resa conto di essere - per l'ennesima volta - il fanalino di coda di una ben più civile Europa, dove i matrimoni gay non sono esattamente la novità del giorno (si pensi per esempio al Belgio, dove una prima - rudimentale - normativa sulle unioni civili era stata stilata già nel 1998).
Con calma, ma alla fine ci arriveremo anche noi: intanto osserviamo delle strepitose pronunce della giurisprudenza, che si sta allargando verso una tutela delle coppie gay; ci godiamo i sindaci di alcune città italiane che, con molto coraggio, stanno trascrivendo i matrimoni gay contratti all'estero nei registri dello stato civile italiani.
Non di meno, anche la moda ha deciso di dare una spinta forte su questo argomento. Tralasciando il fatto che il mondo della moda è sempre stato "gay-friendly" (concedetemi questo termine brutto) una svolta molto importante la si è avuta all'evento ForWedding 2014, manifestazione semestrale dedicata alle presentazioni di abiti da sposa e, in generale, tutto quello che riguarda il matrimonio.
For Wedding ha infatti deciso di mettere come apertura dei lavori la sfilata "The Rainbow Wedding Fashion Show", tenutasi il 23 ottobre 2014 alla Nuova Fiera di Roma.
Questo il comunicato stampa:

Forwedding inaugura Giovedì 23 Ottobre con la presentazione di una preziosa collezione sposi in cui i modelli e le modelle saranno coppie gay, in passerella mano nella mano consigliare con professionalità ed eleganza l'organizzazione del matrimonio. “The Rainbow Wedding Fashion Show” è la prima sfilata di alta moda sposi italiana che presenta e ultime tendenze di haute couture per gli sposi che presenta preziose, raffinate ed eleganti.
“For Wedding è aperto a tutti” – spiega l’organizzatore della manifestazione, Fabio Ridolfi – “Quest’anno ha voluto dedicare una particolare attenzione a una nuova sfera di utenti in crescita. Molti matrimoni contratti all’estero da coppie gay che decidono di festeggiare in Italia al loro rientro. Per questo abbiamo ritenuto di dare un segnale di apertura su questo delicato tema, L’evento di apertura gode del sostegno della prima rainbow agency della Capitale – La Coppia Garbata – presente nella fiera con uno stand informativo sui servizi per le coppie omossessuali”.

Tema della sfilata, quindi, è "Lei sposa lei, Lui sposa lui". Gli abiti sono stati realizzati dalla famosissima maison Celli, la quale produce circa 2000 abiti da sposa l'anno.
Ecco quindi alcune foto dell'evento (thanks to Ansa):























Non solo vestiti da sposo e da sposa ma anche bomboniere, accessori, gioielli e altri servizi tipici del matrimonio (location, fiori, catering e così via). 
Una nota di colore: tra i vari invitati c'era persino Angelino Alfano, ma questi - ovviamente - non si è presentato. Una vera occasione persa, ma poco importa: non basteranno né le sentinelle in piedi né l'Alfano di turno a frenare chi vuole amarsi prendendosi un impegno serio. E ben venga, prendersi un impegno serio! Perché forse molte coppie eterosessuali si dimenticano che il matrimonio non è uno sfizio né un atto dovuto, ma una celebrazione solenne di un atto d'amore, costruito sugli sforzi e sul reciproco sopportarsi senza scappare alla prima difficoltà. 

Insomma, prima o poi ci arriveremo anche noi italiani. 
Abbiate fiducia.
Baci,
-Ste


32 commenti:

  1. Un argomento delicato visto il Paese in cui viviamo, ma molto importante. Onestamente tutti i pregiudizi che ci sono ancora nei confronti degli omosessuali (che poi io eliminerei anche tutte queste etichette, "etero" "gay" e bla bla), dimostrano solo quanto siamo culturalmente indietro. Spero si arrivi più presto ad avere tutti gli stessi diritti, non vedo come il matrimonio tra due uomini o tra due donne, oppure il fatto che questi abbiano dei figli, possa "minacciare" gli altri.

    Fashion tips and GIVEAWAY on lb-lc fashion blog

    RispondiElimina
  2. Prima o poi. Davvero prima o poi. La fiducia, a volte, lascia spazio allo sconforto. E in questo paese troppo spesso, purtroppo. Un bacione cara.

    http://www.fiammisday.com/

    RispondiElimina
  3. Ciao questi colori e tessuti sono favolosi!!

    www.elisabettabertolini.com

    RispondiElimina
  4. Si, sono convinta che ci arriveremo anche noi.... meglio tardi che mai!
    Buon inizio settimana!
    Kisses darling!!!
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
  5. Ciao Stefania! Io credo che rispetto a pochi anni fa pian piano la situazione sta iniziando a smuoversi anche da noi. Ovviamente certi ambienti, vedi la moda e l'arte, sono molto più aperti ed evoluti, favorendo così una spinta in quel senso. Ti confesso che non conoscevo l'evento, la sfilata di apertura è stata grandiosa oltreché gli abiti stupendi. Sono d'accordo su quello che hai scritto alla fine, purtroppo tantissimi si dimenticano quello che è alla base del matrimonio in sè. UN bacione grande!:**

    RispondiElimina
  6. Un tema sicuramente delicatissimo equesto mi dispiace perche testimonia quanto il nostro paese sia ottuso.
    Abiti molto belli ma in tutta onesta dico CHAPEAU per il coraggio.
    Dovrebbero esserci piu iniziative simili.
    E brava a te che ne parli, questo blog non è msi banale.
    Un bacio

    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  7. Ma che grandi!! Questa mi era sfuggita di news!
    Baci,
    Coco
    Coco et La vie en rose / Bloglovin / Facebook

    RispondiElimina
  8. Sicuramente un tema non facile da affrontare per un paese come l'Italia, che tanto dovrebbe fare in questo senso... La mentalità è ancora abbastanza chiusa e antiquata! Ben vengano iniziative come queste, non solo delle provocazioni fini a se stesse ma proposte di normalità! Un bacione!

    RispondiElimina
  9. Finalmente qualcuno che si decide a fare qualcosa di concreto verso un 'problema' che ormai dovrebbe essere superato! (e con problema non mi riferisco alle coppie gay, ma a chi ancora fatica a vederle come coppie).
    Fabrizia - Cosa Mi Metto???

    RispondiElimina
  10. bella l'idea di questo show, l'amore non ha sesso!

    Nameless Fashion Blog

    RispondiElimina
  11. L'argomento è delicato ma secondo me è giusto parlarne. Nonostante i mille pregiudizi che ancora ci sono nei confronti dei gay credo qualcosa sta iniziando a smuoversi. E' molto bella quest'iniziativa (di cui tra l'altro non ero a conoscenza).
    Kiss.

    www.myurbanmarket.net

    RispondiElimina
  12. che meravigliosa selezione, sono tutti stupendi
    buon lunedì
    un abbraccio
    http://tr3ndygirl.com

    RispondiElimina
  13. un tema molto delicato in questo paese, se si va fuori dall'Italia è già più normale, spero che presto cambi anche qui!! bellissima iniziativa! baci

    www.mammaaltop.com

    RispondiElimina
  14. Io spero nell'apertura mentale del nostro Paese ma la vedo dura!
    Marina
    http://www.maridress.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Bè, a parte il fatto che secondo me uno può sposare chi vuole e non capisco proprio perchè complicargli tanto la vita (ma vabbè il bigottismo è una nostra caratteristica nazionale), per quanto riguarda il mondo della moda lì hanno fiutato il giro di affari, altro che!
    La metà (se non di più) della gente che lavora in quel campo è gay e sa bene quanto ci sarebbe da guadagnare con un'operazione del genere! Che poi abbia come "effetto collaterale" anche quello di smuovere le coscienze, meglio così! ;)
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  16. Che bello questo post! Purtroppo nel nostro paese è ancora un argomento quasi tabù ma secondo me in un campo come la moda siamo già più aperti, forse perchè la moda stessa, la passione in tutte le sue forme, ci porta a farlo. Speriamo che iniziando dal piccolo, come possono essere post sui nostri blog, si arrivi a trasmettere certi pensieri anche al grande!

    http://julesonthemoon.blogspot.it/

    RispondiElimina
  17. complimenti perchè con leggerezza ed intelligenza hai toccato un argomento tutt'altro che frivolo e banale....bravissima!
    un bacione Gi.

    new post
    http://f-lover-fashion-blog.blogspot.it

    RispondiElimina
  18. Un bello show che affronta un tema ancora, purtroppo, delicato in Italia, bella trovata!
    Un bacione!!!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  19. Io onestamente non ho mai cappito il pregiudizio, se non quello religioso che penso nasca da una pessima interpretazione di un dio che in realtà è tollerante e che predica la diversità.
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  20. davvero un bel post!
    http://befashion31.blogspot.it/

    RispondiElimina
  21. L'argomento è delicato, dal punto di vista sociale e religioso...io sono credente e credo che Dio ci spinga ad amare il nostro prossimo senza pregiudizi. Tutto il resto sono macchinazioni e dissertazioni che poco hanno a che fare con l'insegnamento del Signore. Comunque, lasciando perdere queste questioni complesse, il mondo sta cambiando e meno male! Questa sfilata è un segnale forte e spero venga interpretato nella maniera giusta e non strumentalizzato come spesso accade. Complimenti a te per aver affrontato una tematica così complessa con sensibilità ed intelligenza, un bacione
    Giovanna

    www.sbirilla.blogspot.it

    RispondiElimina
  22. ciao... gli abiti sono molto belli ^_^
    www.ollyup.com

    RispondiElimina
  23. tema molto forte, parlo da cristiana cattolica ma sono contenta che si stia smuovendo qualcosa anche in italia.

    http://fashi0n-m0de.blogspot.it/

    RispondiElimina
  24. tema delicatissimo complimenti per il post
    www.mrsnoone.it
    kiss

    RispondiElimina
  25. complimenti per aver affrontato un tema così delicato e profondo. Da cristiana, dico che Dio ama tutti indistintamente...


    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/modabimbo-boboli-motionwear-kidsoutfit-abbigliamentobimbo/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  26. adoro!!!
    http://sissascorner.blogspot.it/2014/10/black-lace-dress.html

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!