La magia dell' Haute Couture F/W 2015.16 Paris

Buon mercoledì e bentornate sul blog!
Oggi voglio parlarvi un po' di quanto stiamo vedendo sulle passerelle parigine e devo ammettere che quest'anno ho riscontrato un livello notevole. Trovo che molti stilisti si siano davvero superati, se gli anni passati faticavo a trovare abiti che mi rapissero il cuore, questa volta c'era soltanto l'imbarazzo della scelta.
Anche dal punto di vista della scenografia ho visto cose molto belle e curate, anzi talvolta sembravano più haute couture le passerelle che gli abiti (ma questo non so se sia un bene!).

Chanel: Questa volta Karl Lagerfeld ha ricreato il casinò Chanel all'interno del Grand Palais, con le modelle che passeggiano tra roulette, moquette verdi e fiches. Ma dico: era necessaria la presenza della Stewart? Ho già abbastanza ansia in corpo, senza dover sopportare pure la sua faccia grumpy cat perennemente arrabbiata con il mondo. Sicuramente una collezione notevole, che richiama gli anni '50. Non mi sono piaciuti il make-up e i capelli, le modelle sembravano degli alieni. Probabilmente tutta la presenza di queste star (Stewart, Rita Ora, Lara Stone, Julianne Moore e Lily-Rose Depp) tende a penalizzare un po' e a distogliere l'attenzione dagli abiti. Ma forse Karl non la vede come me, e lui sa meglio di chiunque altro come richiamare l'interesse. Gli abiti da sera sono splendidi, magnifiche le trasparenze e l'effetto sparkling. Detesto le scarpe!





Christian Dior: Una collezione che sembra rifarsi molto alle collezioni di Louis Vuitton e Chloè del 2015. Che Raf Simons stia avendo una crisi d'identità? Della collezione ho comunque apprezzato la vestibilità dei vestiti, che sia una collezione couture ma comunque facile da portare. Un altro punto a favore è il fatto che si sia tenuto conto e si abbia valorizzato la silhouette femminile. Tra le cose negative, credo che sia una collezione che manchi di coerenza e ho odiato la mono manica di pelliccia (vecchia reminiscenza di un'altra sfilata). Spero che la prossima collezione sia più Dior e meno altre case di moda, altrimenti prevedo che la testa di Simons possa saltare. Prima di mostrarvi gli abiti, vi faccio notare questo dettaglio di mini piume e bottoni, sembra quasi un dipinto.



Giambattista Vallli: la sua è tra le collezioni che più hanno attirato la mia attenzione. Una palette cromatica vasta, così come la tipologia degli abiti proposti. Troviamo infatti gonne corte abbellite con piume, tute, pantaloni a rete e splendidi abiti da sera con applicazioni floreali. Tulle, sbuffi e ricami preziosi, il designer festeggia al meglio i suoi dieci anni di attività.

Stupisce tutti Armani, la cui passerella è un'esplosione di colori, in special modo rosa, verde smeraldo, viola e blu. Le modelle hanno tutte capelli corti e labbra rosa acceso. Le frange e le piume contribuiscono a dare movimento agli abiti. Il pezzo che mi è piaciuto di meno è sicuramente lo yeti.



Altra collezione degna di attenzione è quella di Versace, eccezionale a partire dal cast delle modelle.
Venticinquemila sono le orchidee poste sotto vetro della passerella.

Trovo che questi abiti sul red carpet faranno faville e sono convinta che le star ne impazziranno. E' una collezione fresca, romantica e allo stesso tempo sexy, insomma che rispecchia pienamente lo stile Versace (seppure non ciò che ci si aspettava e seppur ben diverso dalle ultime collezioni).
Gli abiti sono leggeri e le modelle sembrano fate dei boschi; non soltanto colori pastello, la collezione è abbastanza varia e presenta anche abiti più audaci e dai toni dark.
Un consiglio a Donatella: basta con le scarpe da ballerina di strip club!

Elie Saab: Dulcis in fondo, l'amore mio. Una delle sfilate da me più attese, colui che non mi delude mai. (Insieme a Zuhair Murad). Lo stile Saab si riconosce tra mille e io non mi stanco mai dei suoi abiti! L'ispirazione sembra quella di una favola medievale. Bellissime anche le fasce gioiello tra i capelli!

E a voi quale collezione è piaciuta di più? Fatemelo sapere con un commento qui sotto!
*Sara

15 commenti:

  1. A metà articolo ti stavo per dire che Valli e Armani hanno vinto su tutti, poi ho visto lui, il Dio dell'alta moda e sogno..Elie Saab! LA meraviglia come sempre, la vera Haute Couture!
    Ora aspetto i miei italiani preferiti, Dolce&Gabbana <3

    http://www.thefashionprincess.it/

    RispondiElimina
  2. Elie Saab è pure l'amore mio! :D Mamma mia che meraviglia, un incanto questi abiti! Poi mi è piaciuta moltissimo anche la collezione di Armani!

    RispondiElimina
  3. per me la haute couture è Valli e attendo con ansia Valentino stasera a Roma.
    xxx
    mari
    www.ilovegreeninspiration.com


    RispondiElimina
  4. Geniale come sempre Karl!
    Adoro G. Valli ed È. Saab!!
    xo Paola
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
  5. E' vero, le modelle di Chanel sembrano alieni! Occhi a cuore per Giambattista Valli ed Elie Saab!
    Bacioni!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  6. saab stupenda semplicemente <3

    RispondiElimina
  7. Rimango sempre incantata dal lavoro di Karl Lagerfeld, ma anche le creazioni di Armani e Giambattista Valli non scherzano in bellezza
    Un bacione gioia
    Marzia
    BELLEZZA POUR FEMME // BUZZOLE CERCA BLOGGER COME TE! // FOLLOW ME ON FACEBOOK!

    RispondiElimina
  8. Ed io come al solito mi sono innamorata di Elie Saab e di Giambattista Valli...ora aspetto Dolce..
    Bacio

    NEW OUTFIT

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  9. Per me Chanel è sempre Chanel ma mi ha colpito anche Schiaparelli
    http://www.francescagori.com/it_IT/altaroma/

    RispondiElimina
  10. Scelta ardua ma quelli che mi sono piaciuti di più sono sicuramente Versace (assolutamente d'accordo con te sulle scarpe!) e Elie Saab, con i loro abiti femminili e romantici <3 Chanel al contrario non mi ha entusiasmato. Un bacione e buon week end. Giada Mitzilove

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!