Interview: TDM incontra Richi Veneziani, stilista e ideatore di "Romito Manifatture"

Buon giovedì pomeriggio!
L'articolo di oggi è un'intervista a cui per vari motivi sono affezionata, e anche perché ha riferimenti a quella che è la mia terra d'origine.
Sono nata e cresciuta a Livorno, una città toscana, una bella città di mare con cui vivo un rapporto contrastante. Amo questo posto perché qui ho la mia famiglia, amo molti luoghi e simboli di questa città, ma allo stesso tempo ci sono cose meno belle. Il fatto che non abbia molto da offrire ai giovani, il non rispecchiarmi completamente nei modi di fare delle persone (che mi ha portato nel corso degli anni a ricevere delusioni) sono sintomi emblematici di un certo mio distacco.
Nonostante gli aspetti negativi, per me è importante valorizzare quello che questa città, anche ricca di gente simpatica e generosa, offre.
Parlo di luoghi bellissimi, troppo spesso presi di mira dai vandali, ma anche delle persone talentuose e ricche di valori che ci sono. Gente che sa reinventarsi e non si abbatte di fronte alle difficoltà, gente capace che cerca di far conoscere questa città anche all'estero.
E' per questo che oggi ho il piacere di proporvi quest'intervista fatta a Richi Veneziani, fondatore e designer del giovane brand "Romito Manifatture".




Dovete sapere che il Romito è un bellissimo tratto di scogliera livornese, in gergo anche soprannominata "Sassoscritto" in quanto nella roccia si trovano impressi disegni di animali, soldatini ecc. Il resto dovrete scoprirlo da soli perché è un posto che merita veramente di essere visto! E non vi parlo neanche della bellezza dei suoi caldi tramonti, un panorama veramente irresistibile!



INTERVISTA A RICHI VENEZIANI



1) Come nasce la sua passione per la moda?
La passione per questo mondo, cioè quello dell'abbigliamento, nasce quasi per caso.
Ho sempre avuto una grande passione per il disegno e in famiglia avevamo già un’attività legata all'abbigliamento, infatti mio papà, Stefano Veneziani, sin dagli anni '70 era proprietario di una catena di negozi a Livorno ed in altre città della Toscana dove vendeva capi che lui stesso disegnava e produceva.
Un giorno della mia vita, stufo di stare tutto il giorno tra le quattro mura di un negozio, decisi che avrei voluto approfondire la mia passione studiando per diventare pittore. Mio papà invece mi convinse a provare quello che era il suo lavoro e che dal quel giorno è diventato anche il mio. Mi affascinarono da subito tutti quei passaggi artigianali, e come da un mio disegno e da dei rotoli di tessuti di vari colori e fantasie potesse uscire qualcosa che si potesse indossare con soddisfazione. Fino a quel momento invece non mi passava neanche per la testa.


2) In una città come Livorno, considerata in crisi dal punto di vista lavorativo, è stato difficile dare avvio alla sua attività imprenditoriale? Può dare qualche consiglio ai giovani che vogliono affacciarsi a questo mondo?
Sì, è vero che Livorno forse è una tra le città in Toscana che ha risentito di più della crisi, con la conseguenza pesante della disoccupazione giovanile, ma non solo. Infatti la mia attività, come ormai la mia vita professionale, non sono più a Livorno da più di dieci anni. Ricordo un giorno una persona più esperta e matura di me mi disse: “se vuoi fare il regista, devi vivere e respirare a Cinecittà. Se vuoi fare lo stilista, devi trovare un posto che ti permetta di essere creativo”.  Io per rincorrere il mio sogno e la mia ambizione mi sono spostato a Firenze e nelle zone intorno a essa,e adesso con la nascita del marchio ROMITO MANIFATTURE,sono da qualche anno nella provincia di Lucca. 
I giovani di oggi devo dire che sono già molto più avanti rispetto a quando io avevo la stessa età, quindi l'unica cosa che mi sento di dire è di non fermarsi davanti a niente, di non perdere stimoli ed approfittare di questo mondo che va sempre più veloce per arricchire le esperienze e le conoscenze.


3) Il suo brand si chiama Romito, un omaggio alla nostra città. Quanto ci ritroviamo di questi luoghi nelle sue creazioni?
Sì! E’ un omaggio a Livorno perché comunque rimane un luogo di profonda ispirazione per me, ma soprattutto un omaggio al porto ed ad i portuali livornesi di una volta,come era mio nonno per esempio, che hanno reso possibile lo sviluppo della nostra città, tale da trovarla altamente intrigante.
Più che della città, nei capi ci ritroviamo molto di questa ispirazione, mood, nei colori, nei lavaggi che ricreano un invecchiamento dato dalla fatica, nei dettagli delle tasche e nelle loro forme, nei materiali mirati ad andare a ricreare il mondo del lavoro, ma soprattutto nell'immagine e nello spirito.


4) Romito Manifatture è esclusivamente giubbotteria. Ha pensato, magari in futuro, d'inserire altri capi di vestiario o magari accessori (come borse e borsoni)?
ROMITO MANIFATTURE è nata come giubbotteria, un tipo di giubbotteria che strizza l'occhio al passato ma con la ricerca e l'avanguardia in ogni suo dettaglio del presente, e lo sguardo proiettato al futuro.
Nelle ultime collezioni invece ho proposto anche altri tipi di prodotti: giacche, panciotti, pantaloni, camicie. E’ diventato un total look, sempre tutto con lo stesso spirito naturalmente.




 Collezione A/I 2015-2016:



5) Visto che il suo brand si può considerare un omaggio a Livorno, qual è il suo legame con questa città?
Eh, bella domanda! Adesso devo dire molto buono, io adoro la mia città e la trovo bellissima, affascinante. In passato non è stato tutto rose e fiori, ho passato dei momenti personali e famigliari molto difficili. Insomma, un rapporto tra alti e bassi, ma devo dire che ciò che Livorno mi ha tolto, in questi ultimi anni sta provando a restituirmi.


6) Può descrivere la sua ultima collezione?
C'è una ricca parte di giubbotti di varie lunghezze in due tipi di cotoni, uno più pesante e robusto e l'altro un po’ più leggero ma altrettanto resistente. Sono tutti trattati in capo ed imbottiti di vera piuma d'oca.
In alternativa, una serie di giacche sempre in cotone stretch, in varie fantasie, con il panciotto ed i pantaloni sempre nello stesso materiale, sostanzialmente una sorta di abito informale lavato, per ottenere un effetto già vissuto. Si possono abbinarvi cappotti in panno di lana pesante, in vari colori e fantasie, mono e doppio petto, semi foderati all'interno con tessuti da camicia, su base e lavorazione sartoriale, ma anch'essi lavati per integrarli nell'immagine vintage del resto della collezione.







 Collezione A/I 2015-2016:





7) A chi si rivolgono le sue creazioni? 
La collezione Romito si rivolge principalmente ad un tipo di consumatore che non segue la moda o il fashion, ma che ha una personalità forte ed un proprio stile; un consumatore attento ai dettagli, alla qualità delle materie prime e alla ricercatezza nell'immagine.
Il target di età varia dai 25anni fino ai 70anni, quindi da giovani fino a uomini più maturi, a chi comunque rispecchia le caratteristiche sopra elencate.


8) Chi sogna di vedere con un suo capo indosso?
Al momento nessuno in particolare, sicuramente vorrei vederli indossati a più persone possibile.

9) C'è un modello di giubbotto a cui è più affezionato?
No, sono molto affezionato a tutto quello che creo. Sono tutti capi che nascono dalla mia testa, quindi sono un po’ come dei figli, che seguo in ogni fase di crescita.


10) Quali tessuti predilige?
Principalmente puro cotone, di varie pesantezze,fantasie o armature, e lane per il periodo invernale o lino per le collezioni estive. In ogni caso cerco di usare principalmente tessuti naturali, i tessuti sintetici cerco di non utilizzarli o utilizzarli solo dove necessario.


11) Qual è stata la sua più grande soddisfazione?
La strada è sicuramente ancora molto lunga, te lo assicuro, ma ad oggi la soddisfazione più grande è quella di aver portato quella che era solo un’idea di un prodotto, legata alla nostra città, in un mercato quello italiano, seppur in difficoltà, ma tra i più importanti per questo settore, e in mercati esteri ancora più importanti e prestigiosi,con ulteriori margini di crescita. Tutto ciò comunque è stato possibile grazie anche all'intenso lavoro dei miei collaboratori e soci che hanno creduto da subito nell'idea ed insieme portiamo avanti quotidianamente il nostro progetto.


12)  Quali sono i suoi progetti per il futuro? Le piacerebbe aprire un negozio "Romito Manifatture" a Livorno?
No, di aprire un negozio non è in previsione, tanto meno a Livorno, per il momento. Per il futuro più immediato i progetti sono quelli di continuare a crescere, di assestarsi sul mercato in maniera tale da poter ampliare la ditta, migliorare il prodotto e creare nuovi posti di lavoro.
Ci stiamo lavorando intensamente e speriamo che un giorno ROMITO MANIFATTURE  e LIVORNO possano essere conosciute e riconosciute da più persone possibile in Italia e in tutto il mondo.


Ringrazio Richi per la sua disponibilità, gentilezza e per i tempi d'attesa non dipesi da me.
Complimenti e in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti!  

E voi cosa ne pensate di questo brand?  
Per rimanere sempre aggiornate potete seguire la pagina facebook e il sito.
Aspetto i vostri commenti!
*Sara



7 commenti:

  1. bella intervista;) un brand molto elegante

    RispondiElimina
  2. Great interview very well presented ( thank you for your kind wish)

    RispondiElimina
  3. Complimenti una bella intervista. Kiss
    Oggi sul mio blog http://www.littlefairyfashion.com "“Barbie. The Icon” al Mudec di Milano"

    RispondiElimina
  4. Interessante questa intervista e mi piacerebbe davvero visitare quel tratto della scogliera livornese un giorno...
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    RispondiElimina
  5. Ciao Saretta!
    Complimenti per questa bella ed interessante intervista, fai sempre bene a promuovere la quelità ed inl made in Italy!
    In questo caso poi tu hai promosso anche il turismo perchè ora sono curiosissima di vederla questa scogliera del Romito! :D
    Baci e buon week end!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Complimenti per l'intervista! Bellissime creazioni!
    Buon weekend!
    www.mammaaltop.com

    RispondiElimina
  7. great post ! :)
    please follow my blog : YOUNG BLOG

    RispondiElimina

Grazie per la visita e il commento!