Carolina Herrera's final bow

C'è una stilista di cui non vi ho mai nascosto la mia passione, è Carolina Herrera. Quella degli scorsi giorni, in piena NYFW, è stata per lei l'ultima sfilata, questo non vuol dire che la designer si ritiri ma soltanto che va avanti, così come ci tiene a sottolineare lei.
 Dopo 37 anni di attività e la bellezza di 72 sfilate, la stilista venezuelana ricoprirà il nuovo ruolo di global ambassador, in modo da poter controllare ancora cosa ne sarà della sua casa di moda ma allo stesso tempo poter ritagliarsi del tempo anche per la sua numerosa famiglia (quattro figlie, 12 nipoti e 6 bisnipoti). Sarà il 31enne Wes Gordon ad assumere la guida stilistica del brand, sicuramente un bel traguardo per un giovane della sua età.
I primi contatti con questo mondo glamour, la Herrera li ha già in giovane età; infatti ha soltanto 13 anni quando assiste ad una sfilata di Balenciaga e nel 1960 a Caracas inizia la sua carriera lavorando  per Emilio Pucci.
Furono le sue amicizie con Mick e Bianca Jagger, Andy Warhol e Diana Vreeland a convincerla ad entrare nel fashion business.
Il 27 Aprile del 1981 la Herrera lancia così la sua prima collezione al Metropolitan Club di New York e il suo successo fu talmente poderoso che da lì a poco iniziò a creare i look per Nancy Reagan, Ivana Trump e soprattutto Jacqueline Kennedy, che ebbe modo di vestire per 12 anni.
Carolina Herrera ha sempre rappresentato l'eleganza classica, femminile e raffinata, impeccabile e impreziosita da dettagli couture. Anche se ama mixare tessuti tessuti costosi italiani e francesi, per lei l'aspetto fondamentale è il taglio di un abito.
La stilista è riuscita a creare un impero fatto di profumi e diverse linee, che l'ha portata a delle vendite annuali di 1400 milioni di dollari.

Carolina Herrera ha vestito molte spose famose (tra cui Carrie Bradshaw) ma l'abito più importante è stato quello indossato da Caroline Kennedy nel 1986. E' proprio questo vestito ad anticipare il lancio della linea sposa nel 1988.
 Cosa la rappresenta maggiormente? Sicuramente la camicia bianca è un suo caposaldo che ha sempre indossato. Un indumento in grado di conferirle sicurezza e in grado di donare versatilità perché perfetta con qualsiasi abbinamento: con una gonna lunga, con i pantaloni, con gioielli.
Carolina Herrera però ci tiene a ribadire che il segreto è fare in modo che "Qualsiasi cosa si indossi, bisogna far sembrare che valga milioni di dollari". 
Oltre ad aver vestito l'amica Renée Zellwegger per gli Oscar che l'hanno vista trionfare come migliore attrice nel 200, un vestito mermorabile è quello che fece indossare a Michelle Obama. 


L'ultima collezione della Herrea raccoglie la sua visione glamour e chic fatta di completi da indossare tutti i giorni composti per lo più da maglia bianca e gonna nera (questo abbinamento cromatico è il suo preferito) e termina con abiti da sera formati da gonne ampie, cinture e ancora una volta magliette bianche increspate. Ci sono poi i cappotti con le stampe e le piume.
Ci mancherai, Carolina. In un mondo fatto di orsetti del cuore e unicorni, la tua visione dell'eleganza mancherà incredibilmente. Così come ci mancherà ammirarti alla fine di ogni sfilata con la tua classe infinita mentre indossi una camicia bianca, una gonna nera e un filo di perle.
*Sara

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per la visita e il commento!